Comunicazioni del ORGC >> Studi di Microzonazione di I° Livello
 
Catanzaro, lì 24/01/2018                                           Prot. N. 100/2018/OUT
                                                                                  
Preg.mo Ing. Giuseppe Iiritano
Dirigente LL PP – Regione Calabria
 
Preg.mo Ing. Luigi Zinno
Dirigente Dipartimento LL PP
 
Prof. Roberto Musmanno
Assessore LL. PP. Regione Calabria
 
Oggetto: Studi di Microzonazione di I° Livello.
 
Facendo seguito a quanto emerso durante il convegno tenuto in collaborazione con questo Ordine a Lamezia Terme, si trasmette l’elenco dei comuni calabresi che hanno provveduto ad affidare gli Studi di Microzonazione Sismica di primo livello applicando alla somma prevista dal finanziamento dell’Ordinanza di Protezione Civile, un ribasso economico.
 
Tale elenco, ricavato da una semplice ricerca esplorativa, senz’altro non comprendente la totalità dei comuni che hanno fatto ricorso a tale pratica, riporta la quota complessiva del finanziamento prevista dall’OPCM ed il ribasso con cui è stato affidato lo studio.
 
Comune Importo finanziamento Ribasso %
Marina di Gioisa Ionica (RC) € 23.000,00 20%
Mammola (RC) € 19.000,00 5%
Nardodipace (VV) € 15.000,00 33,30%
Gerocarne (VV) € 15.000,00 6,60%
San Giovanni di Gerace (RC) € 13.000,00 39,35%
Martone (RC) € 13.000,00 37,83%
Sangineto (CS) € 13.000,00 60,15%
Briatico (VV) € 19.000,00 3,00%
Gioiosa Ionica (RC) € 23.000,00 63,69%
Melicucco (RC) € 20.000,00 40,00%
Castroregio (CS) € 20.000,00 20,00%
 
Da tale elenco emerge, in maniera equivocabile, che almeno 12 stazioni appaltanti hanno provveduto ad affidare gli studi di microzonazione di primo livello applicando dei ribassi assolutamente inopportuni, anche in considerazione dell’elevato livello di specializzazione che un siffatto incarico richiede, dell’importanza di tali studi sulla sicurezza dei cittadini e della presenza di un importo del finanziamento prestabilito in fase di ordinanza in funzione del numero di abitanti.
 
 
Questo Ordine ritiene altamente probabile che anche altri comuni abbiano applicato ribassi più o meno elevati agli studi di microzonazione sismica ed invita la SV, in possesso di tutti gli atti di affidamento degli incarichi, ad effettuare i dovuti accertamenti.
 
Tale pratica, difatti, non è assolutamente tollerabile e non deve essere replicata nel futuro sia con i residui studi di MS di I° Livello ancora da affidare, sia con quelli di III° Livello.
 
A tal proposito, si segnala l’affidamento dello Studio di MS di III° Livello del Comune di Lamezia Terme che, nell’ambito dell’offerta tecnico – economica, prevede anch’esso il ribasso economico, cui è demandato il peso di 15/100.
 
Nel ribadire la necessità di provvedere a dotare rapidamente la Regione Calabria di studi di Microzonazione Sismico di elevato livello tecnico e scientifico non ci si può esimere dal manifestare la perplessità di questo Ordine in riferimento alla modalità ed alla tempistica che ha portato il suo ufficio a proporre il parziale definanziamento ai Comuni che non hanno completato lo studio di MS ed intendono far ricorso all’ausilio del gruppo di supporto.
 
Difatti i professionisti incaricati, a prescindere se geologi o meno hanno, a suo tempo, sottoscritto una convenzione con le stazioni appaltanti che, salvo conclamate inadempienza contrattuali, deve essere comunque onorata dai comuni affidatari. Ciò potrebbe potenzialmente causare una serie di vertenze legali su chi debba effettivamente coprire la quota definanziata, se il professionista rinunciando ad una quota del proprio onorario o il Comune incrementando la quota di cofinanziamento, la qual cosa produrrebbe, contrariamente ai desideri della Regione, un ulteriore ritardo negli iter di approvazione degli studi e la cui responsabilità non potrà certamente essere attribuita ai professionisti incaricati.
 
Tra l’altro non è da trascurare il fatto che la struttura Regionale di validazione degli studi di Microzonazione Sismica che, a parere di questo Ordine sta svolgendo un egregio lavoro, è stata istituita nella sua interezza solo nel Febbraio 2017, mentre in precedenza tali compiti erano stati svolti da funzionari interni che, a causa dell’elevata professionalità e specializzazione richiesti dagli studi di MS, avevano incontrato notevoli difficoltà a svolgere quanto loro assegnato.
 
Nel frattempo gli studi di MS, il cui primo OPCM risale al 2013, avevano incontrato dei rallentamenti nei vari iter di approvazione che, il più delle volte non erano certamente imputabili, in maniera esclusiva, ai professionisti; ad incrementare tali ritardi, ha contributo non in maniera secondaria, l’emanazione di nuove versioni delle linee guida da parte della Commissione Tecnica che hanno costretto i professionisti ad adeguare i loro studi, accumulando ulteriori ritardi.
  
In conclusione, pur accogliendo favorevolmente l’impulso che la Regione Calabria sembra voler dare affinchè tali importanti strumenti conoscitivi vedano la luce, evidenziamo la necessità di monitorare gli affidamenti dei comuni impedendo che questi facciano ricorso a procedure che richiedano ribassi economici e rinnoviamo la nostra contrarietà circa la procedura e modalità di revoca dei finanziamenti per i comuni che ancora non hanno provveduto a completare l’iter per gli studi di Microzonazione Sismica.
 
  
L’occasione è gradita per porgere cordiali saluti                            
 
 
 
 
 
 
             
                                                                                                          Il Presidente
                                                                                              Dott. Geol. Alfonso Aliperta            
                                                                                   
 
 
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Cliccando su OK , accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. +Info