Normativa Nazionale >> Ordinanza Consiglio di Stato n. 1291/2000
 

Repubblica Italiana
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale

Sezione Quarta

Composto dai Signori:
Pres. Aldo Pezzana
Cons. Domenico La Medica
Cons. Pietro Falcone
Cons. Filoreto D'Agostino
Cons. Dedi Rulli Est

ha pronunciato la presente

ORDINANZA

nella camera di Consiglio del 14 marzo 2000

Visto l'art. 21 u.c. della legge 6 dicembre 1973, n.1034

Visto l'appello proposto da:

CONSIGLIO NAZIONALE GEOLOGI
ORDINE DEI GEOLOGI DELLA CALABRIA
rappresentato e difeso dagli Avv.ti ANNA LAGONEGRO e UGO VITAGLIANO
con il domicilio eletto in Roma VIA CAVOUR 44 presso UGO VITAGLIANO

contro

COMUNE DI CROTONE
non costituitosi

e nei confronti di
ORDINE PROVINCIALE INGEGNERI DI CROTONE
non costituitosi

PER L'ANNULLAMENTO DELL'ORDINANZA DEL TAR CALABRIA - CATANZARO n.907/1999, resa tra le parti, concernente PROGETTAZIONE PIANO REGOLATORE GENERALE;

Visti gli atti e documenti depositati con l'appello;

Vista l'ordinanza di relazione della domanda incidentale di sospensione (Ricorso 1374/2000) della esecuzione del provvedimento impugnato in primo grado;

Udito il relatore Cons. Dedi Ruffi, e uditi altresì per le parti ricorrenti gli avv.ti Vitagliano e Lagonegro;

Ritenuto che dall'esecuzione del provvedimento impugnato in primo grado deriva un danno grave ed irreparabile, così come previsto dall'ultimo comma del citato art.21;

P.Q.M.

Accoglie l'appello (ricorso n.1374/2000) limitatamente alla parte in cui il bando di concorso impugnato non prevedeva la possibilità per i geologi di partecipare al progetto della relazione geologica, ovvero la mancata predisposizione di un parallelo bando di concorso relativo alla sola redazione di detto elaborato, e, per l'effetto, in riforma della ordinanza impugnata, accoglie l'istanza di sospensione della efficacia del provvedimento impugnato in primo grado nei limiti suddetti.

La presente ordinanza sarà eseguita dalla Amministrazione ed è depositata presso la segreteria della Sezione che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Roma, 14 marzo 2000

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Cliccando su OK , accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. +Info